Cura delle unghie e altre meraviglie

Lo ammetto, forse sono un po’ maniacale per quanto riguarda la cura delle unghie. A prescindere dai miei trascorsi di mangiatrice di unghie, non riesco a vedermi senza smalto, mi stanco facilmente e lo cambio almeno due volte a settimana, con un conseguente stress per le mie povere unghiette.

In primo luogo, a prescindere da tutti i prodotti che uso, devo che dire che adoro le unghie lunghe, sulle mani degli altri. Le mie unghie, così come le mie mani, sono davvero grandi, sono ben lontane dal mio ideale di mani affusolate, diciamo che si avvicinano a un incrocio tra le mani di una mondina e quelle di un muratore. Diciamo che, a dispetto di un’apparenza non proprio delle migliori, risultano davvero utili per scacciare via soggetti indesiderati e per uccidere insetti (ma questa di uccidere gli insetti a mani nude è davvero una lunga e, per i più, splatterissima storia).  Dicevo, data la forma poco femminile delle mie unghie preferisco tenerle non troppo lunghe perchè risultano più godibili nell’insieme. Ma non solo, trovo che le unghie di decente lunghezza (e per decente intendo massimo 1 cm -massimo 2 – oltre la fine del polpastrello) siano molto molto più comode e pulite: sono l’unica che, quando le unghie crescono, comincia ad avere serie difficoltà a fare qualsiasi cosa (dal mettermi le lenti a contatto allo scrivere) e che finisce con l’avere irrimediabilmente le unghie sempre zozze?

Le mie unghie tendono poi a sfaldarsi nemmeno fossero fatte di pasta sfoglia. Tendono a seccarsi cone strema facilità e quindi a scheggiarsi e rompersi al primo scontro con una superficie dura. Questa è probabilmente la caratteristica che odio di più, perchè se c’è una cosa che odio sono le unghie irregolare, che mostrano problemi anche con lo smalto, e che si distruggono con un alito di vento, costringendomi a opere di limatura nei posti più impensabili (se lascio un’unghia scheggiata in libertà comincia a distruggermi i maglioni e i collant, in più mi scatta l’impulso irrefrenabile di metterla in bocca per sistemarla. E allora via di lima in metro, durante il lavoro, in bagno durante una cena…)

Oggi vorrei fare una carrellata dei prodotti che utilizzo, con una costanza che non è sicuramente delle migliori, per cercare di tenere in forma le unghie ed evitare che si sfaldino non appena superano il bordo delle dita. Il reparto nails è uno di quelli in cui mi trovo a sperimentare con maggiore frequenza, sono leggermente ossessionata da ogni nuova uscita che riesco a captare in giro per le profumerie. Molte di queste innovazioni, però, non si rivelano esattamente all’altezza delle aspettative.

essie_mask

i cotoncini dopo il secondo utilizzo

nail_patch

Stop dry here di Essie (13,50€ da Sephora) – maschera ultra idratante per unghie. Dicevamo che mi faccio conquistare da ogni nuova cosa che vedo e questi patch per unghie ne sono la dimostrazione. In realtà fino a che non ho deciso di prire la confezione non avevo nemmeno capito bene di cosa si trattasse, nella mia mente era una maschera vera e propria da mettere sulle unghie e lasciare in posa. Si tratta in realtà, di piccoli quadratini di ovatta imbevuti di prodotto e che vanno applicati sulle unghie. L’operazione in sé, poi, è abbastanza agevole perchè presentano una parte adesiva. I risultati? Mah. Io continuo ad usarli (anche se dopo l’apertura il prodotto di cui sono imbevuti comincia a seccarsi un pò, meglio chiuderlo con una fashionissima molletta per stendere) ma sinceramente non noto grandi miglioramenti nelle mie unghie grazie a loro. Oltretutto permane in me qualche dubbio: in primo luogo, può davvero penetrare qualche sostanza idratante attraverso una barriera fatta di “colla”? In secondo luogo, ha senso utilizzare un idratante blando su una parte del corpo che non vi dico è morta ma poco ci manca (diciamo che la sostanza cornea è lo zombie del corpo umano secondo me XD)?

nails_cuddles

Fortifiyng Oil Sally Hansen (credo di averlo pagato sui 6 € al Cosmoprof). Un’alternativa molto più efficace alla maschera di cui sopra. Un ero e proprio olio da mettere sulle unghie e massaggiare bene. Sappiate che vi ritroverete tutti i polpastrelli unti, soprattutto se come me invece che massaggiare unghie contro unghie (che dovrebbe stimalare la circolazione ma mi fa venire la pelle d’oca, un pò come le unghie sulla lavagna), massaggiate und ito alla volta con l’altra mano. In questo caso però i risultati, a mio avviso, sono più visibili: le mie unghie mi sembrano decisamente più sane e idratate, mentre quando non ho voglia/tempo di usarlo, vedo un sensibile peggioramento.
Questo prodotto, comunque, può essere secondo me sostituito da un qualsiasi olio (mandorle dolci, ricino), non credo che ci sia un differenza sostanziale. Naturalmente, la parte su cui è meglio insistere è quella iniziale, che è anche quella da cui dipende la crescita e la “forza delle unghie”. No, mi dispiace ma secondo me se avete la tendenza ad avere le unghie che si sfaldano nella parte finale quando crescono, le cose che si possono fare sono limitate e palliative (ma di questo parlerò prossimamente).

Un altro elemento che può inficiare, nella mia esperienza, la crescita delle unghie, oltre che il loro aspetto esteriore, sono sicuramente la cuticole, che è un vero e proprio tessuto morto che aderisce all’unghia. Io non sono assolutamente del partito della rimozione, perché le cuticole non saranno belle ma sono davvero molto utili; in più a meno che non abbiate l’effetto “doppia unghia” – cuticole che arrivano a ricoprire visibilmente una parte dell’unghia – non credo siano nemmeno la cosa più antiestetica del mondo.

Cuticle eraser+ balm Sally Hansen (9,00 € da Sephora) è il prodotto che uso settimanalmente per ammorbidire e spingere le cuticole. Sinceramente? è un ottimo prodotto ma allo stesso tempo credo si trovino alternative più economiche in grado di dare lo stesso risultato. Si tratta di una pasta molto corposa che applico sulla parte bassa dell’unghia e massaggio un po’, dopo un minuto circa, con un bastoncino spingo le cuticole verso il basso. Le cuticole, dopo il massaggio, sono decisamente più morbide e spingerle dentro risulta un’operazione molto più facile, una cosa che non amo di questo prodotto è che non “si assorbe”: anche dopo averlo massaggiato rimane lì, non se ne va fino a che non lo risciacquate via. E questa cosa, se avete intenzione di farvi una manicure, pu essere davvero snervante.
Le alternative, appunto. Anche in questo caso un buon olio di mandorle dolci o un suo surrogato  perfettamente allo scopo, con un prezzo decisamente più basso: io possiedo una piccola boccettina di olio di mandorle dolci CND che mi ha regalato l’estetista e un prodotto oleoso non meglio identificato che mi ha riportato il mio ragazzo dall’America. Quest’ultimo in particolare lo apprezzo molto perché è un olio secco, che si assorbe con facilità e non lascia le mai come se fossero state fritte insieme alle patatine).

2 in 1 cuticle remover gel Essence studio nails: ci tengo particolarmente a citare questo prodotto perchè ho avuto modo di provarlo sia nella versione vecchia che in quella nuova e vi consiglio vivamente di non buttarci nemmeno le due lire che costa. É un prodotto davvero inutile con odore chimico terribile, che non coadiuva per nulla all'”eliminazione” delle cuticole (per non parlare del fatto che fa uscire una quantità spropositata di prodotto) , non le ammorbisce nè tantomeno il beccuccio  adatto a spingere le cuticole dentro. Diciamo che è più uno spingitore di cavalieri

Super oil remover Sally Hansen (credo sui 6/7 € al Cosmoprof): si tratta di un prodotto sgrassante, che elimina qualsiasi tipo di residuo possa rimanere sulle unghie dopo le varie “cure” a cui le abbiamo sottoposte. In questo senso si tratta di un prodotto davvero fenomenale, perchè “pulendo” le unghie da qualsiasi sostanza grassa abbiamo precedentemente applicato fa aderire lo smalto benissimo e permette una stesura agevole, nonchè una durata eccellente. Ma, e per me è un grossissimo ma, secca tantissimo le unghie, rendendo vani tutti gli innumerevoli sforzi precedenti. Per questo motivo lo uso davvero di rado, sinceramente preferisco che lo smalto mi duri meno piuttosto che avere unghie che si sfaldano a palla, tanto più che mi cambio lo smalto con molta frequenza. Per la mia routine, e per il tipo di unghia che ho, è un prodotto che probabilmente non ricomprerei più; se invece avete delle unghie in salute e preferite fare una manicure a secco (senza usare acqua) questo è davvero un prodotto utilissimo da avere.

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

6 thoughts on “Cura delle unghie e altre meraviglie

  1. cruezadema ha detto:

    ma che c’era uno dietro che ci spingeva a comprare l’inutile cuticle remover di Essence? l’ho buttato via perchè mi dava i nervi anche il semplice vedere la boccetta in mezzo ai miei smalti,premio inutilità 2013 -.-‘

    “Le mie unghie tendono poi a sfaldarsi nemmeno fossero fatte di pasta sfoglia. Tendono a seccarsi cone strema facilità e quindi a scheggiarsi e rompersi al primo scontro con una superficie dura”

    parli anche delle mie unghie vero?! :°) ultimamente poi ho mandato al diavolo mesi di sforzi e le ho rimangiucchiate per bene..tutto è cominciato con una piccola scheggiatura ed è degenerato in una distruzione totale,ora le mie mani sono nuovamente inguardabili.
    ora cercherò di farle ricrescere ma la vedo dura.

    ps: ora andrò a rivedere tutti i video di Guzzanti che amo di più(quando fa padre Florestano Pizzarro muoro,seriamente)

  2. Country Rose ha detto:

    Ottimi consigli! Io faccio anche lo scrub con zucchero e miele alle mie unghie e ci metto su dell’olio d’oliva. Il risultato è ottimo. Ma lo faccio solo quando ho tempo.

  3. Pamela ha detto:

    Anche io mi sono mangiata le unghie fino ai 20 anni. Poi ho smesso a fasi alterne ed ora definitivamente.
    Adesso ho la copertura in gel sulle mie naturali e mi trovo benissimo. Gli smalti me le danneggiano molto, mi si spezzano e non riesco a farle crescere tutte insieme, sarà forse colpa del levasmalto… Però a dire la verità non ho mai usato prodotti specifici come questi…

  4. jesslan ha detto:

    Che lunghissimo post!! Io uso solo l’olio secco (che secco non è) di Essence e a volte, quando sono proprio mal messe faccio una sorta di maschera con olio d’oliva, limone e bicarbonato.

  5. Chiara ha detto:

    Non voglio attirarmi le ire di nessuno ma… io ho le unghie forti T_T me le mangio da sempre ma le ho forti T_T.
    In quei rari momenti in cui riesco a non *roderle* non dico che siano d’acciaio ma quasi, non si sfaldano e se si spezzano è perchè sono una peciona che sbatte continuamente contro i mobili XD
    Per questo non ho mai provato nessuno di questi prodotti anche se quei quadratini collosi che non servono a niente mi piacciono, sembra una cosa molto *SPA* da fare a casa *_*

  6. […] – Seche vite dry fast top coat – Trind nail repair matt (già da un anno in giro per questi lidi) – Kiko n. 387 – Essie Merino Cool – China Glaze Concrete Chatwalk – China Glaze Turned Up Turquoise (credo solo Stati Uniti) – Sally Hansen cuticle eraser balm (ne parlavo qui) […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: